Ambiente e Sicurezza a Spinetta

Come si può rendere conto del proprio impegno in termini di Sostenibilità?

  Bigini
Noi di Solvay Specialty Polymers abbiamo individuato un solo modo: cercare di tradurre il concetto di sostenibilità in un percorso da compiere un passo alla volta, senza enfasi, ma con il necessario pragmatismo. Senza sottrarci a un confronto trasparente e responsabile con chi ha delle domande da porci, dei dubbi da chiarire e delle preoccupazioni irrisolte.

Sì, perché le preoccupazioni dei cittadini di una comunità che ospita uno stabilimento industriale sono sempre comprensibili e legittime. E lo sono a maggior ragione nel caso del sito di Spinetta Marengo, uno stabilimento di produzione chimica che opera sin dai tempi in cui le conseguenze di una gestione non adeguata nel trattare materiali pericolosi erano poco comprese e una cultura ambientale non si era ancora sviluppata (in fabbrica come nella società). 
A pagarne il prezzo, oggi, sono tanto la comunità in senso lato quanto chi, come noi, opera ogni giorno in questo stabilimento con tecniche, strumenti e modalità all’avanguardia, anche in termini di sicurezza.

Ecco, allora, che accanto ad un’orgogliosa presentazione degli investimenti in innovazione, sviluppo e ricerca che contraddistinguono il nostro modo di fare chimica oggi, abbiamo il dovere di rendere puntualmente conto degli interventi messi in campo per “rimediare” alle conseguenze di un passato ingombrante e complesso che abbiamo ereditato nel 2002, l’anno in cui il Gruppo Solvay ha acquistato Ausimont e lo stabilimento di Spinetta.

Nelle sottosezioni del menù a sinistra sono presentati i principali interventi di sostenibilità e sicurezza ambientale che si sono avviati sin dal nostro insediamento, ma che, dopo un lungo e complesso iter, hanno avuto un’accelerazione in seguito a due importanti atti:
  • il rilascio da parte delle autorità competenti dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) nel 2010;
  • l’approvazione da parte del Comune di Alessandria del progetto di Messa in Sicurezza Operativa e primi interventi di Bonifica nel 2012.

Queste autorizzazioni forniscono la cornice entro la quale operare seriamente insieme alle Istituzioni e agli organi di controllo e già si possono apprezzare i primi risultati tangibili degli investimenti ad oggi effettuati, descritti nelle pagine di questa sezione del sito.

Il Direttore dello Stabilimento
Ing. Stefano Bigini


Clicca qui per scaricare la nostra Politica HSE.